Lunedì, 02 Ottobre 2017 22:56

Le Grotte di Dio e il villaggio di Petruscio a Mottola: l'escursione di domenica 15 ottobre

La  mattina sarà dedicata alla visita delle quattro chiese rupestri di Mottola più importanti per architetture e affreschi : San Nicola, San Gregorio,  Sant'Angelo e Santa Margherita .

La chiesa rupestre di San Nicola a Casalrotto, definita  da molti studiosi come la "Cappella Sistina della civiltà rupestre", rappresenta uno dei più importanti esempi dell'arte medievale pugliese. Gli affreschi presenti al suo interno  coprono un arco cronologico che dalla fine del X secolo arriva alla prima metà del XIV. e la rendono una vera e propria pinacoteca d'arte sacra popolare pugliese. Tra i Santi affrescati:  Nicola, Basilio, Pelagia, Parasceve, Giuliano, Pietro, Giorgio, Elena, Michele.

La Chiesa rupestre di San Gregorio, tra i più raffinati esempi d'arte sacra rupestre pugliese, ha pilastri a forma di croce,  archi a tutto sesto, eleganti altari , volte con diversi motivi. Il  suo Cristo Pantocratore è stato paragonato a quello del Duomo di Monreale.

La chiesa rupestre di Sant'Angelo rappresenta un esempio unico in Italia meridionale di chiesa su due piani, con il vano inferiore avente destinazione funeraria. Gli affreschi sono databili al XIII - XIV secolo, anche se è probabile che almeno alcuni di essi ricoprano altri strati dipinti precedenti. Tra i suoi afreschi si segnalano  il Cristo Onnipotente sull'altare centrale e, al piano inferiore, in un sott'arco un San Pietro autorevole e austero.

La chiesa rupestre di Santa Margherita,  sita a circa un km ad est della masseria di Casalrotto, scavata nella parete sinistra dell'omonima lama, rappresenta uno dei gioielli della civiltà rupestre. La cripta è ricca di affreschi di notevole valore storico - culturale ed artistico. L'invaso rettangolare della chiesa, caratterizzato da una planimetria insolita, è diviso in due navate da pilastri, di cui uno monco, sorreggenti due archi. La Santa   è ritratta in un affresco in cui si intravedono raffinati influssi della pittura orientale .

A fine mattinata colazione al sacco cui ogni partecipante all'escursione provvederà autonomamente

Nel pomeriggio,  visiteremo la gravina e il Villaggio di Petruscio, uno dei più interessanti esempi del vivere in grotta nella nostra regione.

Scenderemo in gravina dalla scalinata  medioevale scolpita nella roccia   per visitare il Villaggio, con le sue tipiche case-grotta, caratterizzate da una particolare  divisione dello spazio, la  Casa dell'Igumeno, importante edificio rupestre dalla particolare architettura, curata e raffinata, la cosiddetta  Cattedrale, imponente, probabilmente risalente ad epoca alto-medioevale

 Il casale si estende per circa 600 metri su entrambi gli spalti della gravina di Petruscio, lunga circa quattro chilometri,  tra le più spettacolari e grandiose dell'intero arco jonico, ed offre uno spettacolo unico, con oltre un centinaio di case-grotta, scavate nella roccia friabile dei due spalti, a formare una serie di "grattacieli" rupestri. Tra i suoi anfratti si snoda un meraviglioso percorso archeologico-naturalistico ricco di specie della macchia mediterranea. **.


Adesioni
L'escursione è pensata per un numero limitato di partecipanti: per partecipare  bisogna prenotare entro la sera di giovedì 12 ottobre  scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   indicando anche, se non si è già soci Legambiente, un recapito telefonico in modo da poter essere contattati e ricevere conferma. Successivamente, per eventuali adesioni tardive, occorrerà preventivamente verificare la disponibilità.

Contributo di partecipazione:
E' previsto un contributo di partecipazione comprensivo del biglietto d'ingresso alle chiese rupestri, della visita guidata  e di un piccolo sostegno all'associazione.
- Contributo di euro 8 per i soci Legambiente (sarà possibile iscriversi anche domenica mattina ) e per tutti i ragazzi/ragazze che abbiano meno di 18 anni
- Contributo di euro 10 per chi non è iscritto all'associazione.

Colazione al sacco, a cura di ogni partecipante .

Come sempre utilizzeremo "mezzi propri" mettendoci d'accordo per utilizzare il minor numero possibile di auto e dividendo le spese di trasporto tra tutti gli occupanti di ogni auto. Chi non ha la disponibilità dell'auto avvisi al momento della prenotazione in modo da poterci organizzare.
Per l'escursione sono necessarie scarpe basse e comode, preferibilmente da trekking, e consigliato un abbigliamento a strati adatto ad una giornata all'aria aperta,  bottiglietta d'acqua, colazione al sacco e... macchina fotografica,
.

Programma
Raduno alle ore 8.45 in Via Venezia alle spalle del Palamazzola, con partenza entro le 9.00.
Arrivo all'Ufficio turistico di Mottola  alle ore 9.30  circa.
Visita chiese rupestri
Pranzo libero/ colazione al sacco 
Nel pomeriggio, visita al Villaggio e alla gravina di Petruscio.


*° Le informazioni riportate sono tratte da terredelmediterraneo.org e visitmottola.it *° 
.

Articoli correlati

Legambiente, Circolo di Taranto - Via Temenide 30/A • Web Agency: Capera.it

Privacy Policy