Venerdì, 06 Luglio 2012 14:36

Il quartiere Tamburi ammorbato dalla puzza proveniente dai rifiuti del mercato ittico

Ci mancava il mercato ittico ai Tamburi per rendere ancora più difficile la vita nel quartiere che

“ospita” l’Ilva e le sue emissioni inquinanti.

Non bastavano le puzze provenienti dalla raffineria ENI e dagli altri stabilimenti industriali ad

ammorbare l’aria dei Tamburi; ad esse si è aggiunta una nuova puzza: quella del pesce che marcisce

nei cassonetti o nei pressi dei cassonetti collocati nell’area del mercato ittico galleggiante che

evidentemente non vengono puliti a sufficienza. Un “bouquet” di essenze profumate da suggerire a

qualche azienda di profumi che voglia lanciare una nuova linea: “Eau de fognature”.

C’è poco da ridere però per i cittadini del quartiere Tamburi costretti a subire questo ennesimo

disagio. Dopo le segnalazioni di alcuni di essi che lamentavano l’insopportabile puzza che,

soprattutto in alcune giornate (probabilmente a causa di particolari direzioni del vento), ammorba

letteralmente via Galeso, ma anche via Orsini e le via adiacenti a queste due arterie del quartiere,

abbiamo “indagato” e fotografato ed ecco il risultato delle nostre ricerche: le foto sarebbero

sufficienti da sole, ma siamo andati oltre per verificare se dopo le attività giornaliere, di notte, si

provvedesse alla pulizia. Sicuramente nei due giorni da noi controllati questo non è avvenuto. La

sera del 4 luglio intorno alle 21.30 abbiamo trovato un certo quantitativo di rifiuti accatastati presso

i cassonetti; la mattina del giorno dopo, intorno alle 11.00 c’erano gli stessi rifiuti con l’aggiunta di

un ulteriore carico presumibilmente prodottosi nelle prime ore della mattinata. Evidentemente

nessuno aveva pulito l’area durante la notte!

Riteniamo intollerabile e pericolosa dal punto di vista igienico-sanitario una situazione di

questo genere e chiediamo con forza che il Comune di Taranto garantisca la pulizia e la

disinfestazione dell’area con una frequenza e orari adeguati alle necessità del mercato.

 

6 luglio 2012

 

Articoli correlati

Legambiente, Circolo di Taranto - Via Temenide 30/A • Web Agency: Capera.it

Privacy Policy