Martedì, 29 Gennaio 2019 19:04

Processo discariche Ilva per disastro ambientale. Legambiente si costituisce parte civile

Dinanzi al Giudice per l 'Udienza Preliminare- dott. Carriere- si è celebrata lunedì 28 gennaio la prima udienza del proces so che accerterà le eventuali responsabilità penali a carico di nove imputati, tra i quali Claudio Riva e Fabio Riva, accusati di non aver effettuato " la dovuta ed obbligatoria attività di controllo e sorveglianza, nonché occultando il reale stato dei luoghi costituito da circa 5 milioni di tonnellate di cumuli di rifiuti pericolosi e non pericolosi di origine industriale situati su tutto l'argine sinistro della Gravina Leucaspide."
Secondo l'ipotesi accusatoria, tali condotte avrebbero determinato un "grave disastro ambientale interessante acque superficiali pubbliche, acque di falda pubbliche, terreni demaniali, terreni privati e creando grave pericolo per la pubblica incolumità derivante dal continuo sversamento delle sostanze velenose contenute nei cumuli di rifiuti suddetti nelle acque e nei terreni destinati anche ad attività agricola."
Legambiente Comitato Regionale Pugliese e Legambiente Circolo di Taranto, da sempre presenti e attenti alle tematiche del territorio e alla tutela del patrimonio ambientale in ogni sede, civile e giudiziaria, hanno espresso la volontà di costituirsi parte civile tramite i propri avvocati- Eligio Curci e Ludovica Coda- al fine di tutelare anche in sede penale gli interessi legittimi di un territorio fortemente compromesso.
L'udienza è stata rinviata al 18 febbraio 2019, per la decisione sulle costituzioni di parte civile e il proseguio della fase dell'udienza preliminare.

Articoli correlati

Legambiente, Circolo di Taranto - Via Temenide 30/A • Web Agency: Capera.it

Privacy Policy